Connect with us

EDITORIALE

Concorrenza spietata? Niente paura, la Ternana é forte e ben costruita

Published

on

Premessa doverosa: i voti attribuiti al mercato, in ogni caso espressione di valutazioni soggettive ed opinabili, non sempre e non necessariamente collimano con quelli riferiti allo spessore dell’organico e quindi alle aspettative da coltivare. Anche perché bisogna tenere conto delle annate precedenti (chi siamo, chi eravamo, da dove veniamo). Insomma, una squadra retrocessa dalla A pur perdendo qualche pezzo pregiato (Benevento, Crotone ma anche Parma) conserva una intelaiatura nettamente superiore ad una promossa dalla C e rinforzatasi radicalmente. E allora? E allora il giudizio lusinghiero riservato dalla “Gazzetta dello Sport” al mercato rossoverde (voto 8, terzo migliore accanto a quello del Parma e alle spalle di quelli di Monza e Frosinone) non colloca le Fere sul podio in ottica campionato. Doveroso quindi restare con i piedi per terra.

Doveroso però anche evitare ingiustificati allarmismi permeati da incomprensibile apprensione o manifestazione di cautela eccessiva dal sapore vagamente retorico. Se ingaggiare 15 elementi (oltre al ritorno di Nesta, reduce dal prestito al Lecco) tra i quali 7 (Ghiringhelli, Sorensen, Capuano, Martella, Agazzi, Donnarumma e Pettinari) portano in dote circa 800 presenze tra massima divisione e torneo cadetto serve soltanto per puntare alla salvezza qualcosa non quadra. Certo, prima si ottiene la salvezza e prima si alza l’asticella (concetto ovvio, scontato, ma da ribadire). Eppure con una rosa del genere appare ragionevole sperare di stazionare stabilmente nella parte sinistra della classifica, con lo sguardo rivolto  sull’ottavo posto che garantisce i play off. E appare ragionevole perfino al cospetto di una concorrenza terrificante.

 

Foto: Stefano Principi

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

EDITORIALE

Ternana – Pisa (1-4): Tanti errori e terzo ko consecutivo per le fere

Published

on

Termina con un sontuoso 1-4 la sfida tra Ternana e Pisa. Un match davvero deludente per le fere allenate da Cristiano Lucarelli, che in conferenza stampa ribadisce anche propri errori: “Mi ritengo una persona seria, anche se è troppo fresca per capire in cosa ho sbagliato, me la voglio rivedere. A prescindere, prima di capire nei particolari cosa ho sbagliato, mi assumo io la responsabilità, ci metto la faccia io”.

Troppi errori (di tutti), condannano la Ternana ad una meritata sconfitta, contro un Pisa organizzato che però per l’appunto è stato agevolato anche dai numerosi svarioni difensivi.

Lucarelli nell’undici iniziale presenta Ghiringhelli, Sørensen, Martella, Salzano in mediana e Mazzocchi a destra.

Al 9’ le fere vanno già sotto, a seguito di un grave errore difensivo su angolo battuto da Gucher dove De Vitis sigla con estrema semplicità lo 0-1, complice un primo palo completamente scoperto.

Alla mezz’ora la Ternana trova il pareggio, grazie ad un calcio di rigore per un fallo netto di Marin su Salzano. Donnarumma dal dischetto non sbaglia e pareggia i conti.

Pareggio che non dura nemmeno due minuti perché al 32’ su colpo di testa di Touré parato da Iannarilli, Sørensen  tocca il pallone verso la propria porta e sigla un autogoal che riporta in vantaggio i toscani.

Il primo tempo finisce con il risultato di 1-2.

Nella ripresa, la Ternana subisce altre due reti: al 57’ con Lucca e poi all’87 con il neo entrato Cohen; nonostante Lucarelli a match in corso abbia tentato di dare una scossa alla squadra con l’ingresso di Partipilo, Peralta e Pettinari ma ben poco è cambiato.

La Ternana incassa la terza sconfitta consecutiva, con zero punti in classifica e ben 9 goal subiti. Nemmeno il calendario aiuterà i rossoverdi che sabato prossimo affronteranno il Monza di Berlusconi allo stadio Brianteo e mercoledì il Parma al Liberati. Una situazione delicata dove la parola d’ordine è quella di rialzarsi presto!

 

Il tabellino:

Ternana (4-2-3-1): Iannarilli; Ghiringhelli (59′ Partipilo), Boben, Sørensen, Martella (68′ Celli); Palumbo, Salzano; Mazzocchi, Falletti (59′ Paghera), Furlan (c, 74′ Peralta); Donnarumma (59′ Pettinari).

A disposizione: Vitali, Krapikas, Capuano, Defendi, Mazza, Koutsoupias, Capone.

Allenatore: Cristiano Lucarelli

 

Pisa (4-3-1-2): Andrade; Birindelli, Leverbe, Caracciolo, Beruatto (71′ Hermannsson); Touré, Marin, De Vitis (85′ Nagy); Gucher (c, 71′ Sibilli); Marsura (79′ Cohen), Lucca (85′ Masucci).

A disposizione: Livieri, Dekić, Masucci, Di Quinzio, Cisco, Piccinini, Mastinu.

Allenatore: Luca D’Angelo

 

Arbitro: Luigi Maresca di Napoli (Marco Trincheri di Milano e Marco D’Ascanio di Ancona, IV° ufficiale Stefano Nicolini di Brescia);

Addetto Var: Livio Marinelli di Roma, Assistente Pietro Dei Giudici di Latina

 

Reti: 30′ r. Donnarumma (T); 9′ De Vitis, 32′ Sørensen a., 57′ Lucca, 84′ Cohen (P)

Ammoniti: 47′ Ghiringhelli, 63′ Sorensen (T); 58′ Gucher , 82′ Leverbe (P)

 

Spettatori: 4.003 (di cui 463 ospiti). Incasso 48.347 euro

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

Stefano Principi

ternana pisa a
bandecchi
falletti ternana pisa
furlan ternana pisa
ternana pisa 2
ternana pisa 3
lucarelli ternana pisa
ternana pisa a bandecchi falletti ternana pisa furlan ternana pisa ternana pisa 2 ternana pisa 3 lucarelli ternana pisa

Continue Reading

EDITORIALE

Coppa Italia: Ternana 1-1 Avellino (5-4 d.c.r.). Furlan elimina i Lupi dal dischetto. Partita sofferta, le fere volano al Dall’Ara di Bologna

Published

on

Termina 5-4 ai calci di rigore, il primo match della Ternana 2021/2022, contro l’Avellino di Piero Braglia, già noto nella scorsa stagione per aver cercato di mettere i bastoni fra le ruote ad una corazzata che ha vinto entrambe le sfide all’andata e al ritorno contro i lupi campani.

La Ternana infatti, il prossimo 16 Agosto sarà al Dall’Ara per sfidare il Bologna di Siniša Mihajlović.

E’ stata anche la prima partita aperta al pubblico (1.497 spettatori) con green pass alla mano dopo quasi un anno di totale assenza dal Liberati.

Tra i titolari di Lucarelli ci sono i neo acquisti Ghiringhelli e Agazzi, davanti a Peralta, Falletti, Furlan e Vantaggiato.

Match fin da suubito complicato per le Fere, con i lupi che si esercitano in diversi interventi scomposti e pericolosi soprattutto sul temuto Cesar Falletti.

Al 25′ i campani passano immeritatamente in vantaggio con il primo tiro in porta eseguito da D’Angelo ben servito da Bernardotto.

L’Avellino si esalta, e si rende di nuovo pericoloso con una conclusione dalla distanza di Carriero.

Sullo scadere del primo tempo rapida combinazione tra Furlan e Falletti con il tiro dell’uruguaiano che termina sopra la traversa.

Secondo tempo senza sostituzioni per entrambe le compagini.

Al 52′ grande azione in solitaria di Peralta che serve Vantaggiato ma la conclusione del numero 10 rossoverde termina ampiamente fuori.

Lucarelli, a questo punto effettua un doppio cambio inserendo Pettinari e Paghera al posto di Proietti e Vantaggiato.

Dieci minuti più tardi la Ternana, trova il meritato pareggio grazie ad uno splendido assist di Salzano che serve Pettinari la cui conclusione si stampa sulla traversa e, sul prosieguo dell’azione, Falletti infila in rete per l’1-1.

Grandissime proteste degli ospiti per un presunto fuorigioco ma per Baroni è tutto regolare.

Al 76′ Lucarelli fa uscire Cesar Falletti per non rischiare un serio infortunio dopo l’ennesimo fallo subito, e non fischiato, al suo posto entra Mazzocchi.

Successivamente spazio anche a Sørensen e Capone per Peralta e Ghiringhelli.

Al 92′ Kontek ferma irregolarmente al limite dell’aria Plescia lanciato a rete: espulsione diretta e Ternana in 10 per tutti i tempi supplementari.

Entrambi gli allenatori optano per il 6° cambio e Lucarelli sceglie di far entrare Celli al posto di Agazzi.

Al 100′ l’Avellino colpisce la traversa con Matera dal limite dell’area. Nel secondo tempo supplementare non succede più nulla e si va ai rigori.

La Ternana inizia malissimo la lotteria dei rigori con Paghera e Capone che sbagliano i penalty, ma peggio fa l’Avellino che sbaglia al terzo, quarto e quinto rigore con De Francesco, Maniero e Rizzo, il rigore decisivo è firmato da Furlan che proietta le fere ai trentaduesimi di finale di Coppa Italia, contro il Bologna di Siniša Mihajlović, incontro previsto per lunedì 16 alle ore 18:00 allo stadio Dall’Ara, il match andrà in diretta anche su Italia Uno.

Il tabellino:

Ternana (4-2-3-1): Iannarilli; Ghiringhelli (81′ Capone), Boben, Kontek, Salzano; Agazzi (91′ Celli), Proietti (58′ Pettinari); Peralta (81′ Sørensen), Falletti (76′ Mazzocchi), Furlan (c); Vantaggiato (58′ Paghera). A disposizione: Casadei, Morlupo, Russo, Onesti.

Allenatore: Cristiano Lucarelli

Avellino (3-5-1-1): Forte; Silvestri, Dossena, Scognamiglio; Ciancio (91′ Rizzo), Carriero (80′ Matera), Aloi (c), D’Angelo (67′ Maniero), Mignanelli (57′ Tito); Mastalli (67′ De Francesco); Bernardotto (57′ Plescia). A disposizione: Pane, Pizzella, Sbraga, Miceli, Messina.

Allenatore: Piero Braglia

Arbitro: Niccolò Baroni di Firenze

Assistenti: Claudio Barone e Daisuke Emanuele Yoshikawa di Roma1

IV ufficiale: Ermanno Feliciani di Teramo

Reti: 62′ Falletti (T); 25′ D’Angelo (A)

Ammoniti: 33′ Proietti, 44′ Ghiringhelli, 94′ Paghera (T); 10′ Mignanelli, 19′ Dossena, 40′ Carriero, 63′ Aloi, 103′ Silvestri (A)

Lucarelli (T)

Espulso: 90+2′ Kontek (T)

Spettatori: 1.497 per un incasso di 14 mila 488 euro

 

GALLERIA FOTOGRAFICA:

fallettiPRS_4255
esultanza ternanaPST_3569
furlanPRS_4904
fallettiPRS_4255 esultanza ternanaPST_3569 furlanPRS_4904

Fotografie di Stefano Principi

 

VIDEO:

Continue Reading

CALCIOMERCATO

TERNANA CALCIO SCATENATA

Published

on

La società rossoverde é pronta a piazzare il primo colpo (e che colpo !) della nuova stagione.Nonostante un paio di trattative siano in fase avanzata (ci riferiamo al portiere Nicolas Andrade e al terzino destro Luca Ghiringhelli), la Ternana é intenzionata a chiudere il prima possibile la trattativa con la Sampdoria per Antonio Palumbo.

Il centrocampista campano nelle ultime due stagioni ha dimostrato di essere uno dei migliori giocatori della categoria e noi siamo certi che dimostrerà di esserlo anche in Serie B.

Insomma, la Ternana eserciterà il diritto di riscatto (cifre molto alte) alla Sampdoria ed in considerazione degli ottimi rapporti fra le società e alla eccellente mediazione del procuratore Giampiero Pocetta della GP Soccer and Management Srl, i blucerchiati non eserciteranno il controriscatto.

In questo modo Antonio Palumbo (che insieme a Defendi e Falletti verrà considerato con lo status di “bandiera”, anche se solo due di loro potranno essere inseriti nella lista extra over) sarà a tutti gli effetti un giocatore della Ternana a titolo definitivo e firmerà un contratto pluriennale con i rossoverdi.

 

Continue Reading

News