Connect with us

EDITORIALE

Ternana bipolare al Marulla

Published

on

Sicuramente non la peggiore Ternana quella vista ieri al Marulla di Cosenza, primo tempo tutto di marca rossoverde che prende per 45 minuti il pallino del gioco in mano, peccato però che non riesce ad essere mai pericolosa, forse ci è mancato quel briciolo di convinzione e di cattiveria in più per sbloccare l’incontro.

Nel secondo tempo la Ternana subisce quel famoso “calo fisico” che tanto ci stà facendo dannare quest’anno, lasciando al Cosenza la possibilità di rendersi pericolosa.

Ad essere sinceri la Ternana non rischia mai tantissimo se non in un paio di occasioni anzi alla fine ha anche la palla del match dagli sviluppi di un calcio d’angolo.

Quindi come valutiamo questa Ternana? Sicuramente non in maniera positiva, diciamo che dopo la vittoria con il Modena ci aspettavamo qualcosina di più ma non mi sento neanche di dare ai rossoverdi un insufficienza, abbiamo visto molto di peggio quest’anno.

Adesso abbiamo 2 partite fondamentali per il proseguio del campionato, forse dopo queste gare capiremo dove possiamo arrivare.

Continua a leggere
Leggi i commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

EDITORIALE

Grinta, determinazione e tanta voglia di vincere: una prestazione da Fere !

Published

on

La Ternana torna a vincere. 
E già questo basterebbe per concludere qui il nostro articolo. Perché ottenere la vittoria era troppo importante e così è stato.
I rossoverdi ottengono i tre punti e lo fanno con una prestazione con la “P” maiuscola, una squadra in piena trance agonistica che nel primo tempo schiaccia e crea grossi problemi agli ospiti, i quali venivano da 3 vittorie consecutive in trasferta su 3.

Sacrificio e giocate semplici: erano queste le indicazioni chieste prima dalla partita da Lucarelli e così è stato, è stato messo da parte il gioco di fino guardando alla sostanza ed il risultato finale è cambiato. Che poi, a guardar bene, il goal avviene sugli sviluppi di un azione pregevole.

Vittoria meritata nonostante un secondo tempo un po’ più di marca bianco rossa, va detto però che Antenucci e compagni non hanno quasi mai impensierito la porta rossoverde ma solo creato ansie giustificate tra i tifosi.

Ora si deve continuare su questa linea, se si lotta come ieri altre vittorie arriveranno e la salvezza potrebbe arrivare molto presto, concentrazione, determinazione e sacrifico, queste devono essere le parole d’ordine da qui alla fine.

Forza ragazzi! Le partite sono ancora tante ed i punti a disposizione sono molti, salviamoci e poi chissà …

 

Continua a leggere

EDITORIALE

La carica dei 500 non basta per evitare la sconfitta a Genova.

Published

on

Partiamo proprio da qui, dal titolo di questo articolo, 500 tifosi hanno raggiunto il Ferraris di Genova colorandolo di rossoverde e sostenendo la squadra per tutti i ’90 minuti.

In campo però la Ternana non riesce a portare a casa punti contro un Genoa sicuramente di un’altra categoria.

Il primo tempo la Ternana va sotto con un gol evitabilissimo se solo ci fosse stata più attenzione nel reparto difensivo, giocando di rimessa, aspettando la squadra di Gilardino per poi ripartire ma purtroppo senza grossi risultati.

Nel secondo tempo invece una Ternana più aggressiva crea qualche maggior preoccupazione ai grifoni senza però sporcare quasi mai i guantoni di Martinez.

Nota positiva alla fine dei 90 minuti è sicuramente il recupero di giocatori come Agazzi, Donnarumma e Corrado che potranno così tornare a dare una mano alla squadra di Lucarelli.

Continua a leggere

EDITORIALE

Una giornata horror, una grande umiliazione: povera Ternana che pena mi fai !

Published

on

Inutile parlare di calcio giocato, sarebbe inutile anche fare questo articolo, inutile parlare della gara di ieri, dell’ennesimo arbitraggio insufficiente, del rosso dato a Proietti, delle 6 palle gol avute della Ternana. Tutto inutile. Anzi, tutto assurdo.

Purtroppo, ormai, da mesi le vicende extracalcistiche hanno preso il sopravvento, praticamente di calcio non si parla più. Superfluo dire che la squadra è in una fase cruciale del campionato, che la classifica si fa via via sempre più complicata, che saluta il secondo allenatore nel giro di 1 anno. Di quello che è successo nel post partita fatichiamo a trovare le parole, condanniamo con fermezza ciò che tutti sanno e hanno visto. Scene da brividi, da film horror per chi ama la Ternana.
La Ternana è ovunque: notizie che rincorrono, quotidiani e siti nazionali parlano del violento accaduto. Un umiliazione tremenda.
Ormai si è creata, tra dirigenza e tifosi, una frattura difficile da colmare, una rottura che solamente un miracolo sportivo (e forse nemmeno) e qualche scusa detta in maniera sincera potrebbero risanare.

Noi ternani abbiamo tanti, molti, moltissimi difetti ma siamo un popolo che darebbe la vita per la propria squadra.
È vero, ha ragione chi dice che nella nostra storia non abbiamo vinto mai niente e noi aggiungiamo che non vinceremo mai niente, ma noi non amiamo la nostra squadra per via dei trofei alzati al cielo, il nostro amore prescinde da tutto, il nostro amore è solo per quei due colori.

Forse per chi è extracittadino non lo capisce, amare la Ternana non è facile, abbiamo subito tante angherie nella nostra storia calcistica che avrebbero affossato qualunque realtà. Essere prevenuti dunque è il nostro modo di difenderci. Ma ogni cosa ha un limite e la misura è colma. Certe situazioni e certi gesti non sono comprensibili, non possono essere accettati, non si può più sorvolare!

E nonostante tutto siamo sempre qui insieme ai nostri fratelli ternani perché amare la Ternana è difficile ma affascinantemente meraviglioso!

 

Foto: Stefano Principi 

Continua a leggere

Le più lette