Connect with us

NEWS

La lettera del CCTC al Presidente Stefano Bandecchi

Published

on

“Abbiamo atteso qualche giorno dalle dichiarazioni del Presidente Bandecchi circa le presenze al Liberati, sia per far sopire le polemiche che ne sono derivate, sia per stabilire una posizione ufficiale del CCTC.
Questa volta ci rivolgiamo direttamente proprio a lui, al Presidente della Ternana, non anche all’imprenditore o men che mai al politico perché, come coerentemente testimoniato dal nostro agire, noi non facciamo politica, ma semmai ce ne interessiamo esclusivamente per le ricadute che da essa ne derivano sulla squadra e sulla Città.
Condividiamo nella sostanza, seppur con qualche chiave di lettura del tutto nostra, quanto espresso dal Presidente (e anche da alcuni gruppi di tifosi) circa una presenza di spettatori allo stadio che, salvo partite di cartello, non riesce a decollare e comunque non in linea con ambizioni di campionati da protagonisti.
Comprendiamo lo sfogo del Presidente ma ci viene da stimolarlo (perché siamo una organizzazione di tifosi e questo ci interessa e solo di questo ci vorremmo occupare) a rimanere concentrato sulle questioni che riguardano la squadra e i suoi tifosi, il resto riguarda l’uomo, l’imprenditore e il politico.
E allora, alla luce delle enormi difficoltà e intoppi che ha incontrato il progetto stadio/clinica, al fine di svincolarsi da astruse logiche autorizzative regionali e dei numerosi enti e uffici preposti, perché il Presidente non valuta la messa in opera di un progetto che superi, almeno in parte, le criticità che denuncia il Liberati (vetustà, distanza dal campo, assenza di copertura, etc) e lo renda più comodo e fruibile?
Lo stadio ternano ha spazio sufficiente per creare spalti al proprio interno, così come fatto con buoni risultati in altre piazze, ad esempio Modena e Ascoli.
Il risultato sarebbe quello di agevolare la frequentazione dello stadio per un maggior numero di tifosi e una migliore vicinanza degli stessi al terreno di gioco, guadagnandone senza dubbi lo spettacolo.
Inoltre in un colpo solo il Presidente dimostrerebbe CON I FATTI di superare resistenze di vario genere, di avere la Ternana e i suoi tifosi al centro dei suoi interessi e toglierebbe alibi di comodo e argomenti ad altri.
Che ne pensa Presidente Bandecchi?
Il Cctc”.

Continua a leggere
Leggi i commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NEWS

CCTC alla Società: “Adesso basta, troppi sgarbi subiti. Progetto inesistente e futuro poco limpido !”

Published

on

Il Centro Coordinamento Ternana Clubs si esprime di nuovo sulla situazione della società rossoverde con un durissimo comunicato, di seguito lo riportiamo fedelmente:

BASTA GIOCARE CON SQUADRA E PROGETTO….TERNI E LA TERNANA MERITANO RISPETTO…

Facendo seguito al nostro precedente comunicato in cui chiedevamo chiarezza ( parola sconosciuta in via della Bardesca ), siamo nostro malgrado costretti dai fatti a far sentire di nuovo la nostra voce indignata.
Ci sono limiti al di là del quale il senso di responsabilità, unito all’amore viscerale per maglia ed i colori, non possono sopportare oltre.
Non bastasse una retrocessione evitabilissima “regalata” a città e tifosi.
Non bastasse uno stallo IMMOTIVATO E PREOCCUPANTE del progetto stadio/clinica, che aspetta da tempo le decisioni della proprietà Ternana Calcio.
Non bastasse un progetto sportivo a tutt’oggi inesistente e che è ormai chiaro a tutti che vedrà, in luogo di fantomatiche “ambizioni sportive” sbandierate solo a parole, l’ennesima stagione di ridimensionamento, comportamento altamente offensivo per una tifoseria che nonostante tutto aveva aperto un credito al buio con la società, per una piazza verso la quale sarebbe stato doveroso presentarsi quest’anno non solo con le scuse (sempre sottaciute) ma con programmi come minimo “risarcitori”.
Abbiamo dovuto subire una presentazione delle maglie e soprattutto della campagna abbonamenti (a “porte chiuse”, in faccia ai tifosi, l’unico motore di amore e sviluppo del progetto Ternana) circostanza mai accaduta prima almeno negli ultimi decenni di una gloriosa storia sportiva tra l’altro tra pochissimo centenaria.
Abbiamo dovuto subire inoltre l’assenza INGIUSTIFICATA di un Presidente che nonostante adotti sempre la formula della cortesia e delle buone maniere di forma, nella sostanza risulta essere privo della capacità di incidere in modo decisivo sui piani della società.
Per quanto riguarda l’assenza in momenti fondamentali nessun “impegno di lavoro” giustifica lo sgarbo ad una piazza che lo ha accolto e sostenuto fino all’indecente spareggio perso, e verso la quale erano doverose parole di scuse e soprattutto assunzione di impegni concreti per un campionato da protagonisti.
Il tutto condito da dichiarazioni di circostanza che sanno di presa in giro, a fronte di ingressi nei quadri societari amministrativi di figure che non si capisce venute a fare cosa, e di uscite di figure tecniche fondamentali (leggasi Capozucca, senza aver nulla contro Mammarella al quale auguriamo un grande in bocca al lupo), per la costruzione della squadra che è la cosa più importante che interessa a noi tifosi.
Non possiamo minimamente più tollerare che si continui a giocare e strumentalizzare una passione sportiva e un patrimonio culturale e di appartenenza, che la Ternana riveste per questo territorio e che esorbita rispetto al mero ambito calcistico.
Pretendiamo chiarezza immediata ed atti concreti che testimonino innanzitutto rispetto per tutto ciò, e che dimostrino senza tema di smentita, di possedere la volontà e la forza economica per poter sostenere tutto questo, o in caso contrario, si lavori in tempi rapidi per individuare soggetti a cui cedere la proprietà che possano garantire programmi che tifosi, città, storia e blasone meritano e impongono.
Non regge più per nessuno la scusa tipica “i soldi sono i miei ed il giocattolo è mio”, uno perché gli investimenti sembrano non supportare un progetto minimo di sostenibilità, tanto da mettere a rischio le categorie come è già successo, e lo sviluppo stesso della società come sembrerebbe evincersi da cronache ed articoli di stampa. “Il giocattolo” non è e non può essere uno strumento di convenienza per altri fini se non quelli sportivi ,ma è un patrimonio sociale della città.
Giunti a questo punto di indeterminatezza chiediamo anche che il Sindaco Bandecchi, in ragione delle responsabilità che derivano dal ruolo di primo cittadino, nonché anche di ex presidente che al gruppo Guida ha ceduto, si faccia parte diligente e promuova una azione di verifica e di stimolo che abbia come risultato finale quello di portare la nostra amata Ternana fuori dalla palude in cui l’avete fatta finire.”

Continua a leggere

NEWS

Day 3: Prosegue il ritiro per le Fere, domani ancora doppia seduta !

Published

on

La squadra di Ignazio Abate prosegue la preparazione pre-campionato nel ritiro di San Gemini. Anche oggi per i rossoverdi doppia seduta, suddivisa tra parte atletica e lavoro sul campo. Domani per le Fere ancora due allenamenti al San Lorenzo: alle 9.30 e, nel pomeriggio, alle 18.00.

Continua a leggere

NEWS

Mercoledì 24 Guida presenterà alla stampa il DG Foresti

Published

on

La Ternana Calcio comunica che Mercoledì 24 luglio, alle ore 12.00, presso la sala stampa del Liberati, il presidente Nicola Guida presenterà agli organi di informazione il neo direttore generale delle Fere, Diego Foresti.

 

Continua a leggere

Flash News