Connect with us

NEWS

C. C. T. C: “La Regione deve pronunciarsi chiaramente nel merito”

Published

on

Di seguito riportiamo per intero, il comunicato del C. C. T. C :

 

Il parere del Prof. Balduzzi (qualora alcune indiscrezioni giornalistiche che sono emerse troveranno conferma) è sostanzialmente positivo, poiché traccia la strada e fissa paletti precisi sull’iter per giungere alla realizzazione del progetto stadio/clinica.
Il primo punto fermo (e non scontato, perché sussistono norme e prescrizioni sia urbanistiche che sanitarie), è che la Conferenza dei Servizi può autorizzare la realizzazione della clinica.
Il secondo punto fermo, è che l’accreditamento e il convenzionamento potranno avvenire in step successivi, e il parere anche in tal caso indicherebbe i passaggi da rispettarsi, sempre nell’osservanza della Legge e delle procedure.
Qualora la CdS non possa già pronunciarsi in questa fase, dovrà essere la Regione – attraverso un riequilibrio che tenga conto delle necessità della Provincia di Terni in contempo con la prossimità territoriale – ad inserire in modo chiaro e non equivoco tale volontà politica nel piano sanitario regionale (PSR), prevedendo una redistribuzione delle convenzioni via via che andranno in scadenza con appositi bandi, come per Legge.
Se la volontà politica di procedere in tal senso sussiste, di tempo a disposizione ce n’è, considerati i tempi necessari alla realizzazione materiale del progetto da parte della Ternana Calcio.
Terzo punto fermo, il parere indica (ad esempio rispetto alle specializzazioni ed attività da svolgere nella clinica) anche un percorso coinvolgente la ASL territoriale di competenza e una ulteriore possibilità che preveda una sinergia pubblico/privato circa possibili forme di sperimentazione peraltro già percorse nel nord dell’Umbria.
Da tutto ciò si evince, seppur con ovvi paletti e tempistiche da rispettare, UN SOSTANZIALE SI al progetto che mette definitivamente la palla in mano alla Regione e alla sua volontà (o meno) di individuare tra i percorsi suggeriti quello più confacente alle esigenze generali e territoriali per arrivare ad un esito positivo.
La Regione, la Presidente Tesei e l’Assessore Coletto a questo punto sono obbligati ad uscire da quella ambigua “zona grigia” dietro la quale si sono trincerati fino ad oggi e pronunciarsi chiaramente nel merito, perché il parere indica loro inequivocabilmente l’iter da seguire e anche possibili alternative.
Resta comunque lo stupore e la perplessità sul come alcune fonti giornalistiche siano in possesso di tali documentazioni per altri riservate (ricordiamo che a quanto emerge da altre testate di informazione, la stessa Ternana Calcio ad oggi non ha in mano il parere e che il CCTC nella sua formale richiesta di accesso agli atti non ha avuto soddisfazione proprio nella parte relativa al quesito posto al Prof. Balduzzi) e soprattutto perché le usino con titoli tanto roboanti quanto fuorvianti, prediligendo una lettura in chiave negativa e pessimistica che, francamente, sembra cozzare con il contenuto del documento stesso i cui stralci apprendiamo proprio da loro.
Nel compiacerci in ogni caso per lo scoop giornalistico che consente a tutti di conoscere in anticipo i contenuti più rilevanti dell’importante documento, auspichiamo che per il futuro si possa tutti remare dalla stessa parte, che per noi significa avere a cuore gli interessi pubblici della città e della Ternana, in un’ottica di sviluppo e di benessere generali, chiaramente sempre nel rispetto delle leggi e della legalità, ma respingendo con forza quel ruolo di subordinazione al quale Terni e provincia sono sempre state relegate dalle amministrazioni regionali che si sono succedute nel tempo.
Attendiamo con favore l’incontro tra le parti del 3 novembre e la chiusura della CdS con moderato e rinnovato ottimismo.

Continua a leggere
Leggi i commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NEWS

CCTC alla Società: “Adesso basta, troppi sgarbi subiti. Progetto inesistente e futuro poco limpido !”

Published

on

Il Centro Coordinamento Ternana Clubs si esprime di nuovo sulla situazione della società rossoverde con un durissimo comunicato, di seguito lo riportiamo fedelmente:

BASTA GIOCARE CON SQUADRA E PROGETTO….TERNI E LA TERNANA MERITANO RISPETTO…

Facendo seguito al nostro precedente comunicato in cui chiedevamo chiarezza ( parola sconosciuta in via della Bardesca ), siamo nostro malgrado costretti dai fatti a far sentire di nuovo la nostra voce indignata.
Ci sono limiti al di là del quale il senso di responsabilità, unito all’amore viscerale per maglia ed i colori, non possono sopportare oltre.
Non bastasse una retrocessione evitabilissima “regalata” a città e tifosi.
Non bastasse uno stallo IMMOTIVATO E PREOCCUPANTE del progetto stadio/clinica, che aspetta da tempo le decisioni della proprietà Ternana Calcio.
Non bastasse un progetto sportivo a tutt’oggi inesistente e che è ormai chiaro a tutti che vedrà, in luogo di fantomatiche “ambizioni sportive” sbandierate solo a parole, l’ennesima stagione di ridimensionamento, comportamento altamente offensivo per una tifoseria che nonostante tutto aveva aperto un credito al buio con la società, per una piazza verso la quale sarebbe stato doveroso presentarsi quest’anno non solo con le scuse (sempre sottaciute) ma con programmi come minimo “risarcitori”.
Abbiamo dovuto subire una presentazione delle maglie e soprattutto della campagna abbonamenti (a “porte chiuse”, in faccia ai tifosi, l’unico motore di amore e sviluppo del progetto Ternana) circostanza mai accaduta prima almeno negli ultimi decenni di una gloriosa storia sportiva tra l’altro tra pochissimo centenaria.
Abbiamo dovuto subire inoltre l’assenza INGIUSTIFICATA di un Presidente che nonostante adotti sempre la formula della cortesia e delle buone maniere di forma, nella sostanza risulta essere privo della capacità di incidere in modo decisivo sui piani della società.
Per quanto riguarda l’assenza in momenti fondamentali nessun “impegno di lavoro” giustifica lo sgarbo ad una piazza che lo ha accolto e sostenuto fino all’indecente spareggio perso, e verso la quale erano doverose parole di scuse e soprattutto assunzione di impegni concreti per un campionato da protagonisti.
Il tutto condito da dichiarazioni di circostanza che sanno di presa in giro, a fronte di ingressi nei quadri societari amministrativi di figure che non si capisce venute a fare cosa, e di uscite di figure tecniche fondamentali (leggasi Capozucca, senza aver nulla contro Mammarella al quale auguriamo un grande in bocca al lupo), per la costruzione della squadra che è la cosa più importante che interessa a noi tifosi.
Non possiamo minimamente più tollerare che si continui a giocare e strumentalizzare una passione sportiva e un patrimonio culturale e di appartenenza, che la Ternana riveste per questo territorio e che esorbita rispetto al mero ambito calcistico.
Pretendiamo chiarezza immediata ed atti concreti che testimonino innanzitutto rispetto per tutto ciò, e che dimostrino senza tema di smentita, di possedere la volontà e la forza economica per poter sostenere tutto questo, o in caso contrario, si lavori in tempi rapidi per individuare soggetti a cui cedere la proprietà che possano garantire programmi che tifosi, città, storia e blasone meritano e impongono.
Non regge più per nessuno la scusa tipica “i soldi sono i miei ed il giocattolo è mio”, uno perché gli investimenti sembrano non supportare un progetto minimo di sostenibilità, tanto da mettere a rischio le categorie come è già successo, e lo sviluppo stesso della società come sembrerebbe evincersi da cronache ed articoli di stampa. “Il giocattolo” non è e non può essere uno strumento di convenienza per altri fini se non quelli sportivi ,ma è un patrimonio sociale della città.
Giunti a questo punto di indeterminatezza chiediamo anche che il Sindaco Bandecchi, in ragione delle responsabilità che derivano dal ruolo di primo cittadino, nonché anche di ex presidente che al gruppo Guida ha ceduto, si faccia parte diligente e promuova una azione di verifica e di stimolo che abbia come risultato finale quello di portare la nostra amata Ternana fuori dalla palude in cui l’avete fatta finire.”

Continua a leggere

NEWS

Day 3: Prosegue il ritiro per le Fere, domani ancora doppia seduta !

Published

on

La squadra di Ignazio Abate prosegue la preparazione pre-campionato nel ritiro di San Gemini. Anche oggi per i rossoverdi doppia seduta, suddivisa tra parte atletica e lavoro sul campo. Domani per le Fere ancora due allenamenti al San Lorenzo: alle 9.30 e, nel pomeriggio, alle 18.00.

Continua a leggere

NEWS

Mercoledì 24 Guida presenterà alla stampa il DG Foresti

Published

on

La Ternana Calcio comunica che Mercoledì 24 luglio, alle ore 12.00, presso la sala stampa del Liberati, il presidente Nicola Guida presenterà agli organi di informazione il neo direttore generale delle Fere, Diego Foresti.

 

Continua a leggere

Flash News