Connect with us

AMARCORD

Borzacchini e la Ternana: quando le Fere incontrarono il Biscione

Published

on

Terni è stata sempre una città tecnologica, di fabbriche e di acciaio, di motori, e di campioni con i motori, nel motociclismo e nell’automobilismo. E proprio qui a Terni, nacque uno dei maggiori pionieri dell’automobilismo sportivo, che fu campione in Umbria, in Italia e nel mondo: il suo nome era Mario Umberto Baconin Borzacchini. Il nome di battesimo però, con grande disappunto, del prete dell’epoca, era quello di Baconin, poiché il padre era un sostenitore del pensatore rivoluzionario anarchico Michail Bakunin, chiamato anche ”Baconin” in molte traduzioni in italiano, e già questo fa pensare a come sarebbe stato allevato il nascituro, in clima di ribellione e libertà. Fin da bambino, mostrando subito il suo carattere ribelle e fiero, abbandona gli studi, per seguire la sua grande passione: l’automobilismo. Inizia come meccanico apprendista, presso un altro grande concittadino, Amerigo Tomassini, un ternano che fu uno dei primi in Italia, a preparare auto da gara, da cui apprende le migliori tecniche di motoristica sportiva, e nonostante lo scoppio della prima guerra mondiale, riesce a coltivare la passione per la meccanica e le auto, tanto più che diviene, autiere scelto nel Regio Esercito Italiano. A guerra finita, nel 1919, inizia a partecipare, seppur con pochi mezzi economici, alle prime gare d’auto dell’epoca, dove batte piloti considerati favoriti, per via dei mezzi economici maggiori di cui avevano a disposizione, diventando uno dei primi piloti sportivi dell’epoca, a non essere di casato nobile. Grazie alla sua bravura, arriva il primo successo alla Coppa della Mergara, Coppa facente parte della prestigiosa categoria Formula Grand Prix, la categoria madre della Formula 1.Questa importante vittoria, realizzata da un pilota semplice ed umili origini, lo fa arruolare come pilota dalla Maserati, con la quale arrivò secondo al Gran premio di Tripoli, dietro al campione del mondo dell’epoca Gastone Brilli Peri, dopo aver superato in gara, campioni acclamati, tra i quali Tazio Nuvolari, il quale ammirando la grande bravura di quel giovane pilota, divenne da quel giorno amico fraterno di Borzacchini. Poi nel 1930, avvennero gli episodi che cambiarono, in positivo, la sua vita motoristica: il primo fu l’invito alla Corte del Re e della Regina d’Italia che vollero conoscere quel giovane ternano così promettente, per provare insieme la nuova Alfa Romeo 6C 1750, poi la decisione di aggiungere il nome Mario Umberto al nome Baconin come omaggio ai Reali Italiani. Dopo questo riconoscimento, ci fu ulteriore ingaggio, con quella che era stata, la prima automobile campione del mondo della storia dell’automobilismo nel 1925, e che era l’auto preferita dal Duce d’Italia: l’Alfa Romeo. A quel punto segui la consacrazione, poiché con l’Alfa Romeo, che aveva tra i meccanici Enzo Ferrari, riuscì a vincere la Mille Miglia del 1932, dove divenne il primo pilota Umbro, a trionfare nella gara considerata, tra le più importanti dell’automobilismo mondiale, e dove stabilì il nuovo record mondiale dell’automobilismo dell’epoca con i 109 km toccati durante la gara, grazie alle sue doti di guida e grazie anche al motore Alfa Romeo, che lo portò ad avere un riconoscimento che ormai era mondiale. In seguito riuscì a diventare vicecampione d’Europa e del mondo dietro l’altro pilota dell’Alfa Romeo, il suo amico fraterno Tazio Nuvolari. Purtroppo il destino si mise contro questo nuovo campione poiché nella stagione successiva, al Gran premio di Monza, valevole per il Campionato Euromondiale di Formula Grand Prix, un auto incidentata, che tra l’altro era stata doppiata, ebbe una perdita d’olio sulla pista, causando così un ulteriore incidente a tre autovetture, nelle quali Borzacchini, perse la vita insieme ad altri due piloti sulla pista di Monza, con il grande campione Tazio Nuvolari, che svenne, in seguito al pianto avuto per la morte dell’amico, e con la Ternana, che per omaggiare il campione ternano, cambiò il nome in Polisportiva Borzacchini Ternana dal 1934 al 1944, per ricordare un grande campione che aveva portato in alto il nome di Terni nel mondo

Continua a leggere
Leggi i commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AMARCORD

Ci ha lasciato Massimo Minciarelli: Addio all’avvocato tifoso della Ternana

Published

on

Se ne è andato dopo una brutta malattia, Massimo Minciarelli uno dei più grandi tifosi della Ternana che alternava la professione di avvocato a quella di telecronista-commentatore della Ternana, la squadra della sua città di cui era tifoso accanito, e che commentava le partite delle Fere Umbre con grande passione, e con commenti ironici che oltre ad emozionare il pubblico, lo facevano divertire, ed il pubblico dei tifosi della Ternana è rimasto senza uno commentatori più appassionati ed allegri, anche se rimarrà per sempre il ricordo del telecronista appassionato e del bravo avvocato Massimo Minciarelli, eterno tifoso della Ternana.

La redazione di Ternana Live porta le proprie condoglianze alla famiglia Minciarelli per la perdita dell’Avvocato Massimo Minciarelli.

Continua a leggere

AMARCORD

La Curva della Ternana è in lutto: se ne è andato Marco Di Pietro ”Lu Benz”

Published

on

La tifoseria della Ternana piange Marco Di Pietro, meglio noto come ”Lu Benz”, uno dei tifosi storici della ternana che ci ha lasciato oggi, e con lui se ne va non solo un tifoso storico ed appassionato della Ternana, ma anche un personaggio iconico della Terni  del passato, quella Terni Operaia e popolare, ma al tempo stesso passionale e tifosa, che nella vita di tutti i giorni lavorava duro( il soprannome Benz è dato dal suo mestiere di benzinaio), e che allo stadio amava ed ammirava i colori delle Fere, e Marco Di Pietro era sempre presente sia in casa che in trasferta per difendere i colori della Ternana e della Terni Operaia e popolare di cui faceva fieramente parte. Marco Di Pietro non era solo un tifoso, ma era anche un appassionato di politica, ed era un cultore dell’Idea Operaia, e nella Terni in cui nacque il 26 Dicembre 1904 la Gioventù Repubblicana, scelse una via ideologica rivoluzionari, aderendo prima alla Federazione Giovanile Comunista Italiana, e poi ai Giovani Comunisti, di cui apprezzava l’idea socialcomunista dell’abolizione della schiavitù dell’uomo sull’uomo, e di un mondo in cui non ci fossero ne sfruttatori ne sfruttati, e nella città di  Terni si candidò come consigliere per tutelare la città della Conca, molto stesso sottomessa dal potere politico. La sua dipartita lascia un enorme tristezza nel cuore di chi la conosciuto, con la consapevolezza che il suo ricordo rimarrà vivo nel cuore di chi ha vissuto intensamente questa città.

La redazione di Ternana Live pone le sue condoglianze alla famiglia di Marco Di Pietro per la perdita del sudetto.

Continua a leggere

AMARCORD

Addio Gianluca Vialli: La Ternana fa le condoglianze alla gemellata Sampdoria

Published

on

Se ne è andato oggi Gianluca Vialli, che è stato uno dei più grandi sportivi italiani, e che tra i decenni del 1980 ed il 1990 è stato uno dei calciatori più forti di quel ventennio, e con la Sampdoria, la squadra di Genova gemellata con la Ternana, ha vinto uno scudetto e quattro coppe Italia, ed una coppa delle coppe, regalando alla città di Genova la prima coppa europea della storia, formando con il compagno di squadra Roberto Mancini, la coppia d’attacco dei ”Gemelli del Goal”, che dominò nelle classifiche marcatori di quel periodo, e che viene ricordata come una coppia d’attacco tra le più prolifiche di tutti i tempi. Gianluca Vialli però è stato campione d’Italia e d’Europa anche con la Juventus, per poi chiudere una carriera gloria con il Chelsea di Londra, dove ha mostrato le sue doti fisiche e di cannoniere anche nel calcio inglese, con la stampa ed il pubblico britannico che lo acclamava come il campione che era.

Ciao Gianluca, i tifosi ternani abbracciano i gemellati sampdoriani

Continua a leggere

Le più lette