Connect with us

AMARCORD

1985: A Campobasso, il Campobasso batte la Juventus grazie…. ad un Ternano

Published

on

Il miracolo del Selvapiana, così lo ricordano a Campobasso, quando i lupi molisani riuscirono nell’impresa di battere la Juventus di Platini e Trapattoni allo stadio di Campobasso, che in quella partita ospitava un pubblico di quarantamila persone, più della metà degli abitanti della città molisana, ed i tifosi molisani riuscirono in quella occasione a festeggiare due volte, poiché dopo la gioia della promozione in Serie B, videro anche la vittoria contro una delle Juventus più forti di tutti i tempi (se non la più forte di tutti i tempi). Una squadra, quella del Campobasso, creata dal niente, ma divenuta estremamente competitiva, grazie alla passione di un presidente generoso, ed alle tecniche calcistiche di un allenatore esperto e motivato, che crearono un ottimo vivaio composto da giovani locali, volenterosi di onorare la propria terra e la propria squadra.

 

Un innesto, che risultò vincente, fu con il calciatore ternano di nascita, e membro della Ternana, Marco Maestripietri, che dopo aver fatto l’esordio nei professionisti, con la Ternana in serie A, venne acquistato, dai molisani, che puntavano su di lui, poiché pur essendo giovane, dimostrò di essere un centrocampista completo, con una buona tecnica di lanci, e la visione di gioco che gli permette di giocare sia centrocampista semplice, che come regista. Grazie a queste doti, dopo pochi anni di rodaggio in serie C, Marco Maestripietri riesce nell’impresa di portare il Campobasso, per la prima volta in serie B, nel 1982, proprio nello stesso anno dove un altro ”ternano” Franco selvaggio diventa campione del mondo con la nazionale Italia di calcio, ed il Campobasso gioca come una squadra esperta e non come una provinciale, poiché il lupo molisano non subisce il timore delle avversarie, arrivando a strappare un pareggio a reti inviolate con il Milan, ed una vittoria contro la Lazio per uno a zero, ma il capolavoro di Maestripietri, avvenne nel 1985, il quindici febbraio, il giorno dopo la Festa di San Valentino il Patrono di Terni, quando il piccolo, ma indomito Campobasso deve affrontare lo squadrone Juventus al Selvapiana di Campobasso, per gli ottavi di finale di Coppa Italia. La partita, secondo la stampa, è scontata, con la Juventus vincente, ed il Campobasso sfavorito, ma i Lupi molisani, decidono di fa vedere che con carattere e grinta si può tutto, ed è appunto il Campobasso che parte subito all’assalto, senza paura della corazzata Juventus, con il ”nostro” Maestripietri, che come regista, domina il centrocampo, lanciando il palloni ai due attaccanti della squadra rossoblu, e proprio da una suo lancio, che porta all’azione del goal, con Guido Ugolotti del Campobasso, che fa esultare i quarantamila del Selvapiana (Campobasso ha cinquantacinquemila abitanti, fate voi le proporzioni del tifo molisano), e mettendo a più riprese in difficoltà, la retroguardia bianconera, sia nel primo che nel secondo tempo, con i molisani, che dopo un azione fulminea e fisica al tempo stesso, sfiorano il raddoppio colpendo il palo, con il Campobasso che vince per 1-0 contro la Juventus.

 

Al ritorno la Juventus vincerà 4-1 contro il Campobasso, ma i molisani riescono addirittura a passare in vantaggio, e lo stesso Marco Maestripietri, grazie a quella partita, giocherà per dieci anni con i lupi molisani, diventando uno delle bandiere dell’indomito Campobasso

Continua a leggere
Leggi i commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AMARCORD

Ci ha lasciato Massimo Minciarelli: Addio all’avvocato tifoso della Ternana

Published

on

Se ne è andato dopo una brutta malattia, Massimo Minciarelli uno dei più grandi tifosi della Ternana che alternava la professione di avvocato a quella di telecronista-commentatore della Ternana, la squadra della sua città di cui era tifoso accanito, e che commentava le partite delle Fere Umbre con grande passione, e con commenti ironici che oltre ad emozionare il pubblico, lo facevano divertire, ed il pubblico dei tifosi della Ternana è rimasto senza uno commentatori più appassionati ed allegri, anche se rimarrà per sempre il ricordo del telecronista appassionato e del bravo avvocato Massimo Minciarelli, eterno tifoso della Ternana.

La redazione di Ternana Live porta le proprie condoglianze alla famiglia Minciarelli per la perdita dell’Avvocato Massimo Minciarelli.

Continua a leggere

AMARCORD

La Curva della Ternana è in lutto: se ne è andato Marco Di Pietro ”Lu Benz”

Published

on

La tifoseria della Ternana piange Marco Di Pietro, meglio noto come ”Lu Benz”, uno dei tifosi storici della ternana che ci ha lasciato oggi, e con lui se ne va non solo un tifoso storico ed appassionato della Ternana, ma anche un personaggio iconico della Terni  del passato, quella Terni Operaia e popolare, ma al tempo stesso passionale e tifosa, che nella vita di tutti i giorni lavorava duro( il soprannome Benz è dato dal suo mestiere di benzinaio), e che allo stadio amava ed ammirava i colori delle Fere, e Marco Di Pietro era sempre presente sia in casa che in trasferta per difendere i colori della Ternana e della Terni Operaia e popolare di cui faceva fieramente parte. Marco Di Pietro non era solo un tifoso, ma era anche un appassionato di politica, ed era un cultore dell’Idea Operaia, e nella Terni in cui nacque il 26 Dicembre 1904 la Gioventù Repubblicana, scelse una via ideologica rivoluzionari, aderendo prima alla Federazione Giovanile Comunista Italiana, e poi ai Giovani Comunisti, di cui apprezzava l’idea socialcomunista dell’abolizione della schiavitù dell’uomo sull’uomo, e di un mondo in cui non ci fossero ne sfruttatori ne sfruttati, e nella città di  Terni si candidò come consigliere per tutelare la città della Conca, molto stesso sottomessa dal potere politico. La sua dipartita lascia un enorme tristezza nel cuore di chi la conosciuto, con la consapevolezza che il suo ricordo rimarrà vivo nel cuore di chi ha vissuto intensamente questa città.

La redazione di Ternana Live pone le sue condoglianze alla famiglia di Marco Di Pietro per la perdita del sudetto.

Continua a leggere

AMARCORD

Addio Gianluca Vialli: La Ternana fa le condoglianze alla gemellata Sampdoria

Published

on

Se ne è andato oggi Gianluca Vialli, che è stato uno dei più grandi sportivi italiani, e che tra i decenni del 1980 ed il 1990 è stato uno dei calciatori più forti di quel ventennio, e con la Sampdoria, la squadra di Genova gemellata con la Ternana, ha vinto uno scudetto e quattro coppe Italia, ed una coppa delle coppe, regalando alla città di Genova la prima coppa europea della storia, formando con il compagno di squadra Roberto Mancini, la coppia d’attacco dei ”Gemelli del Goal”, che dominò nelle classifiche marcatori di quel periodo, e che viene ricordata come una coppia d’attacco tra le più prolifiche di tutti i tempi. Gianluca Vialli però è stato campione d’Italia e d’Europa anche con la Juventus, per poi chiudere una carriera gloria con il Chelsea di Londra, dove ha mostrato le sue doti fisiche e di cannoniere anche nel calcio inglese, con la stampa ed il pubblico britannico che lo acclamava come il campione che era.

Ciao Gianluca, i tifosi ternani abbracciano i gemellati sampdoriani

Continua a leggere

Le più lette